NEWS TECNOLOGIA IBRIDA
IBRIDO : Tutte le auto ibride hanno due sorgenti di alimentazione: un motore a benzina/diesel e un motore elettrico...
AUDI E-TRON. UN ELETTRIZZANTE PIACERE DI GUIDA!
Il marchio Audi incarna “l'avanguardia della tecnica”. Le sue vetture offrono un piacere di guida puro ed efficiente. Il loro design è emozionale, la qualità eccezionale e l'esperienza di guida affascinante. Tutte...
AUDI A1 E-TRON :
Il motore elettrico sincrono di Audi A1 e-tron è montato trasversalmente nella parte anteriore della vettura. Il suo posizionamento particolarmente basso produce un effetto positivo.......
SISTEMI DI SICUREZZA E-TRON :
Raggiungere la massima autonomia unita al tempo di percorrenza più breve: questo è l'obiettivo di ogni viaggio in auto. Anche a bordo di Audi e-tron. Da questo momento.......
BMW i3 Concept.
La MegaCity Vehicle.BMW i3 Concept è con eDrive un veicolo sostenibile senza compromessi destinato alle aree urbane. Funziona esclusivamente con energia elettrica ed è.....
BMW i8 Concept.
L'auto sportiva del futuro. Talvolta è necessario fuggire la città. Sfuggire alle restrizioni della vita quotidiana. BMW i8 Concept con eDrive è un'icona del progresso. Unisce le prestazioni....
HYUNDAI CURB
Questo compatto UAV (Urban Activity Vehicle) evidenzia al meglio la futura generazione del linguaggio stilistico Hyundai...
HYUNDAI BLUE2
Esposta a Seoul in anteprima mondiale, questa nuovissima concept car (dal nome in codice HND-6) è una FCEV di medie dimensioni...
HYUNDAI I-FLOW
Hyundai ha presentato all'ultimo Salon International de L'Automobile di Ginevra (Marzo 2010)...
HYUNDAI IX-METRO
La ix-Metro si discosta in modo netto dal linguaggio di design fluido adottato da Hyundai...
HYUNDAI NUVIS
Nuvis è l'undicesima concept car creata dal Design Center di Hyundai di Irvine, California. Oltre...
HYUNDAI IX-ONIC BLUE WILL
Hyundai ix-onic, sensazionale concept car in prima mondiale al 79esimo Salon International de l'Automobile di Ginevra...
HYUNDAI GENUS
Con il concept Genus, presentato al Salone di Ginevra 2006, Hyundai esprime una propria previsione sulle esigenze del futuro...
HYUNDAI PORTICO
Il concept ibrido Portico è il crossover progettato dall'Advanced Design Team del Centro di design Hyundai in Corea...
OPEL FLEXTREME
Non è detto che un veicolo a emissioni zero debba essere privo di carattere. Con Flextreme, un design futuristico...

SEGUICI SU :

TECNOLOGIA IBRIDA


IBRIDO

Tutte le auto ibride hanno due sorgenti di alimentazione: un motore a benzina/diesel e un motore elettrico.

Le auto ibride si raggruppano in tre categorie: Micro, Mild e Full Hybrid.

MICRO HYBRID

Sebbene non si possa definire in senso stretto tecnologia ibrida perché l’elettricità della batteria non è utilizzata per muovere la vettura, il dispositivo Start/Stop consente di ridurre lievemente le emissioni di CO2 ed il consumo di carburante.

Quando l´auto si ferma, il motore a benzina/diesel si spegne e si riavvia solo quando il conducente fa pressione sull’acceleratore.

Il motore viene immediatamente riavviato dall’alternatore alimentato dalla batteria della vettura, che a sua volta riceve una piccola carica supplementare dall’energia recuperata durante la frenata.

MILD HYBRID

Oltre alla tecnologia start/stop impiegata sui Micro Hybrid, i Mild Hybrid paralleli sono dotati di un motore a combustione fornendo così una potenza supplementare durante l’accelerazione. All’attivazione del motore elettrico quindi, le emissioni di CO2 e il consumo di carburante sono ridotti. La maggior parte delle vetture Mild Hybrid può essere alimentata dal solo motore elettrico. In un Mild Hybrid seriale, l’auto funziona a propulsione elettrica mentre il motore a combustione è utilizzato esclusivamente per produrre energia elettrica. Anche in questo caso la batteria viene ricaricata dal motore a combustione o durante la decelerazione.

FULL HYBRID

La tecnologia Full Hybrid è il più sofisticato sistema ibrido. Le auto dotate di questa tecnologia possono essere alimentate dal solo motore elettrico, dal solo motore a combustione o da entrambi.

Generalmente all’avvio o a bassa velocità la vettura è alimentata silenziosamente dal solo motore elettrico il che significa senza alcuna produzione di emissioni di CO2 e senza alcun consumo di carburante.

Il motore a combustione subentra in modo fluido a più elevata velocità e se necessario il motore elettrico fornisce potenza supplementare per es. in fase di accelerazione.

Il sistema Full Hybrid è capace di selezionare in maniera più intelligente la sorgente di alimentazione più appropriata, catturando più energia attraverso la frenata rigenerativa, in modo da ricaricare la batteria.

Questa alimenta uno o più motori elettrici all’interno della vettura.

AUDI E-TRON. UN ELETTRIZZANTE PIACERE DI GUIDA.

Il marchio Audi incarna “l'avanguardia della tecnica”. Le sue vetture offrono un piacere di guida puro ed efficiente. Il loro design è emozionale, la qualità eccezionale e l'esperienza di guida affascinante. Tutte queste caratteristiche troveranno spazio su Audi e-tron, divenendo il futuro della mobilità elettrica. Un futuro dove la rinuncia ai combustibili fossili sarà una priorità, così come la progettazione sostenibile delle vetture e la riduzione delle emissioni generate durante il loro funzionamento.

Audi e-tron: la sua tecnologia include molto più che un solo motore elettrico. Questa vettura rappresenta uno sguardo versatile e complessivo sulla forma delle automobili del futuro. Unisce l'esperienza del marchio Audi nel design leggero con i più intelligenti sistemi di assistenza. Inoltre, la trasmissione rispetta le esigenze individuali di ciascun pilota. Trazione interamente elettrica alimentata da una batteria? Innesto della trazione ibrida per intervalli operativi di alto livello? Guida interamente elettrica supportata da un "Range Extender"? Audi e-tron è tutte queste cose.

Il design e la tecnologia di Audi e-tron forniscono un indizio molto chiaro su quella che sarà la guida del futuro. E provano che non esiste alcuna contraddizione tra dinamismo sportivo e mobilità efficiente a basse emissioni. Audi e-tron lo ha dimostrato con chiarezza vincendo il Rally Montafon Silvretta E-Auto nel 2010. Inoltre, Audi A1 e-tron è in fase di sperimentazione nella regione di Monaco di Baviera dall'estate 2011.
 

AUDI A1 E-TRON.

Il motore elettrico sincrono di Audi A1 e-tron è montato trasversalmente nella parte anteriore della vettura. Il suo posizionamento particolarmente basso produce un effetto positivo sul baricentro del veicolo. La sua potenza è di 45 kW (61 CV), con potenza massima di 75 kW (102 CV) disponibile in brevi progressioni. Una coppia di 150 Nm è costantemente disponibile, con una coppia massima di 240 Nm.

Il motore elettrico trasmette la sua potenza alle ruote anteriori attraverso un cambio a singola velocità. L'elegante leva del selettore a scomparsa, posta sulla console del tunnel centrale, permette di scegliere tra le modalità di marcia avanti, retromarcia e folle, e deriva dalla prima Audi e-tron.

Il motore elettrico sincrono di Audi A1 e-tron è montato trasversalmente nella parte anteriore della vettura. Il suo posizionamento particolarmente basso produce un effetto positivo sul baricentro del veicolo. La sua potenza è di 45 kW (61 CV), con potenza massima di 75 kW (102 CV) disponibile in brevi progressioni. Una coppia di 150 Nm è costantemente disponibile, con una coppia massima di 240 Nm.

Il motore elettrico trasmette la sua potenza alle ruote anteriori attraverso un cambio a singola velocità. L'elegante leva del selettore a scomparsa, posta sulla console del tunnel centrale, permette di scegliere tra le modalità di marcia avanti, retromarcia e folle, e deriva dalla prima Audi e-tron.

L'elettronica dedicata alla trazione è montata all'interno del vano motore, sopra al motore elettrico. Le componenti più importanti consistono nell'invertitore ad impulso controllato, che funge da controllo tra il motore elettrico e la batteria; il convertitore DC, che collega la rete dell'alta tensione con il sistema elettrico a 14 volt; un interruttore per proteggere le componenti dell'alta tensione; e il modulo di ricarica. La presa per la ricarica standard si trova dietro agli anelli della calandra single frame di Audi A1 e-tron. Una batteria completamente scarica può essere ricaricata in circa tre ore se collegata alla rete da 380 volt. Un display posto accanto alla presa di connessione visualizza l'attuale stato di carica ed il tempo di ricarica rimanente.

Il concept alla base di questo innovativo Mega City Vehicle richiede l'elettrificazione delle componenti ausiliarie. Il compressore refrigerante del sistema di climatizzazione, ad esempio, è alimentato elettricamente da un motore ad alta tensione che fornisce solo la quantità di energia necessaria.

Questo sistema aumenta notevolmente l'efficienza rispetto ai concept tradizionali. Grazie ad uno speciale circuito, il ciclo di controllo del climatizzatore funziona anche come pompa di calore e regola la temperatura dell'abitacolo e della batteria.

Il servosterzo di Audi A1 e-tron è elettro-meccanico e, di conseguenza, particolarmente efficiente. Un sistema di frenata elettronico consente di sfruttare appieno il potenziale di recupero dei motori elettrici. Un freno idraulico a pinza fissa è montato sull'asse anteriore, con due innovativi freni ad azionamento elettrico con pinze flottanti montati al posteriore. Le pinze flottanti non sono azionate da elementi di trasferimento meccanici o idraulici, ma attraverso fili ( "brake by wire"). In questo modo, si eliminano le perdite di attrito dovute alla scivolosità dei freni nel loro periodo di inattività. Inoltre, il servofreno utilizza una nuova pompa elettrica sotto vuoto.
 

SISTEMI DI SICUREZZA E-TRON.

Raggiungere la massima autonomia unita al tempo di percorrenza più breve: questo è l'obiettivo di ogni viaggio in auto. Anche a bordo di Audi e-tron. Da questo momento, innovative applicazioni per smartphone aiuteranno il conducente a massimizzare l'efficienza del proprio veicolo elettrico.
L'applicazione per smartphone accede all'elettronica della vettura, consentendo al conducente di monitorare e controllare l'aria condizionata e l'elettronica relativa alla ricarica energetica. Infatti, è possibile pianificare la regolare ricarica prenotando le stazioni di servizio, o regolare l'aria condizionata per impostare la temperatura interna desiderata.

Anche il sistema di navigazione rispetta pienamente le esigenze di Audi e-tron e dei suoi possessori. L'assistente integrale alla pianificazione valuta lo stile di guida personale durante il calcolo dell'itinerario, e visualizza l'autonomia residua in modo chiaro e intuitivo: inoltre, segnala la posizione delle stazioni di ricarica lungo il percorso. L'assistente calcola il consumo energetico in base alla classificazione delle strade, così come l'altimetria e la densità del traffico. Il risultato è una strategia operativa intelligente, in grado di massimizzare l'autonomia ed ottimizzare la durata della batteria.
 

BMW i3 Concept.

La MegaCity Vehicle.BMW i3 Concept ècon eDrive un veicolo sostenibile senza compromessi destinato alle aree urbane. Funziona esclusivamente con energia elettrica ed è stato espressamente progettato per soddisfare le esigenze di una mobilità sostenibile senza emissioni. Rappresenta una forma intelligente di trasporto urbano e suburbano.

BMW i3 Concept – mobilità sostenibile per la metropoli. BMW i3 Concept è un concetto completo e coerente, in cui ciascun dettaglio è concepito e ottimizzato per conseguire l'obiettivo finale. La sua innovativa architettura LifeDrive rende la BMW i3 Concept leggera, sicura, spaziosa e dinamica. L'uso innovativo di materiali e il design intelligente e leggero non solo consentono alla BMW i3 Concept di percorrere lunghe distanze con un'unica carica e forniscono un'eccellente sicurezza in caso di collisione, ma le garantiscono anche un'eccellente dinamica di guida.

Le innovative funzioni di connettività mantengono un collegamento ininterrotto tra la BMW i3 Concept e il mondo esterno. Le funzioni remote accessibili tramite smartphone consentono di reperire il veicolo, visualizzare le stazioni di ricarica vicine, ricaricare e precondizionare la batteria con la sola pressione di un tasto e visualizzare informazioni sullo stato attuale del veicolo. I sistemi di assistenza intelligente BMW ConnectedDrive alleviano lo stress della guida monotona in città e permettono di arrivare a destinazione più sicuri e più rilassati.

BMW i3 Concept – compatta, agile, sostenibile. Il design della BMW i3 Concept rivela le qualità di quest'auto già al primo sguardo. BMW i3 Concept rappresenta l'interpretazione dinamica di un veicolo incredibilmente pratico.

Le proporzioni dinamiche e compatte evidenziano l'agilità della BMW i3 Concept. Nella vista laterale la grafica dei finestrini e i listelli sottoporta creano una forma dinamica a cuneo che dà la sensazione di un'auto lanciata in corsa ancor prima di muoversi. Vista dall'esterno la silhouette fluida e il lungo interasse rimandano alla straordinaria spaziosità dell'interno, mentre gli sbalzi corti anteriore e posteriore facilitano il parcheggio in spazi esigui. La praticità è ulteriormente sottolineata dalle "porte tipo pullman" che rappresentano un modo più nuovo e fresco di accedere agli spazi ampi ed aperti dell'abitacolo.

Un modulo anteriore che colpisce.

Il modulo anteriore della BMW i3 Concept ha un design molto chiaro ed essenziale. L'elemento dominante è la caratteristica calandra a forma di rene con il tipico sfondo blu BMW i; la calandra è completamente chiusa, visto il funzionamento esclusivamente elettrico dell'auto. Sotto la calandra a forma di rene lo strato color argento dà forma alla scultorea grembialatura anteriore. Le superfici nere identificano le aree funzionali del modulo anteriore, come il vano di carico sotto il cofano e le prese d'aria.

Il grande lunotto posteriore retrattile permette un facile accesso al vano bagagli e i montanti del tetto sono dritti per creare quanto più spazio possibile all'interno. Nel finestrino posteriore sono alloggiate anche le luci di coda, che sembrano sospese nel vetro ed hanno forma ad U come i fari. Dietro al lunotto si trova un'area bagagli estremamente versatile, il cui volume è ulteriormente ampliabile piegando i sedili posteriori.

Autoportante e leggero: l'interno.

La versione dell'architettura LifeDrive su cui si basa la BMW i3 Concept apre strade completamente nuove nell'interior design. L'abitacolo non è più diviso da un tunnel centrale e quindi l'interno sembra più libero, aperto e arioso.

I passeggeri siedono nella cosiddetta posizione di "semi-comando" ovvero in una posizione rialzata che fornisce una buona visione del traffico cittadino e allo stesso tempo facilita l'accesso ai sedili.

In questo abitacolo che ispira leggerezza, il sedile continuo tipo panca davanti e dietro genera un nuovo feeling di spazio e intimità per i passeggeri. Questa disposizione permette inoltre di passare facilmente da un lato all'altro dell'auto e, se necessario, di uscire tutti comodamente dallo stesso lato. Un vantaggio non da poco quando si deve parcheggiare in spazi limitati e non c'è accesso ad un lato dell'auto parcheggiata.

Un elemento distintivo di questo abitacolo leggero è il piantone dello sterzo separato. Tutti i comandi orientati alla guida, come il quadro comandi, il pulsante start/stop e la leva del cambio, si possono trovare qui, il che rende superflua la console centrale. Dietro il piantone dello sterzo, il cruscotto estremamente complesso ma ampio si estende per tutto l'interno. Comincia con le bocche dell'aria accanto al volante, continua con una linea attorno al piantone dello sterzo, comprendente i comandi della radio e della climatizzazione, e infine prosegue verso il passeggero anteriore. Poco prima di raggiungere la porta del passeggero anteriore si lancia verso l'alto, ritorna verso il centro dell'abitacolo e raggiunge la fine del suo viaggio nel monitor del display d'informazione centrale (CID) posizionato sopra il quadro dei comandi per la radio e la climatizzazione. Attorno ai display, per contrasto, il cruscotto presenta un design con superfici quasi calligrafiche, in cui una grande superficie larga si trasforma con grande slancio in una più stretta e delicata, prima di culminare in un'altra superficie ampia. Il CID e l'unità di controllo quindi formano un piacevole contrasto con gli spigoli chiari e precisi del cruscotto.

Anche l'area attorno al cruscotto, le porte e il pavimento della BMW i3 Concept giocano con materiali contrastanti. Il materiale color antracite scuro ultraresistente, fatto di fibre vegetali compresse e stratificate, è evidentemente di origine naturale e crea un bell'effetto mettendo in evidenza gli elementi leggeri, di alta qualità ed esteticamente lavorati dell'abitacolo.

Design dell'interfaccia.

Connettività: il collegamento di conducente e passeggeri con il mondo esterno e la superautostrada dell'informazione giocano un ruolo importante nella BMW i3 Concept. Tre grandi display fanno da interfaccia tra il veicolo e il mondo esterno. Il quadro strumenti emerge dal piantone dello sterzo direttamente davanti al conducente. Il suo design separato genera una sensazione di libertà e di apertura attorno e sopra la testa del conducente. Invece il display d'informazione centrale (CID) si inarca verso i passeggeri, uscendo dallo strato tecnico nero del cruscotto superiore.

Su un altro livello la grafica dei display del quadro strumenti e del CID dal look estremamente tecnologico rende visibile la filosofia di propulsione elettrica della BMW i3 Concept. Tutte le informazioni vengono visualizzate con un'ottima qualità e in forma gradevole, come ci si aspetta da BMW.

 

BMW i8 Concept.

L'auto sportiva del futuro. Talvolta è necessario fuggire la città. Sfuggire alle restrizioni della vita quotidiana. BMW i8 Concept con eDrive è un'icona del progresso. Unisce le prestazioni di un'auto sportiva ad un'efficienza esemplare.

BMW i8 Concept – emozionante, dinamica ed efficiente.La concept car BMW Vision EfficientDynamics ha suscitato tanta emozione e un feedback molto positivo alla IAA 2009. Vision EfficientDynamics di BMW ha dimostrato che un'emozionante auto sportiva con l'economia di carburante di un'auto di piccola cilindrata non è una contraddizione, ma potrebbe presto diventare realtà.

Dopo il successo riscontrato con i test iniziali del concept di auto, la decisione di produrre il veicolo in serie è stata presa rapidamente. BMW i8 Concept è il passo successivo nell'evoluzione del concetto BMW Vision EfficientDynamics. Il risultato: l'auto sportiva più evoluta e innovativa del suo tempo. La sua innovativa concezione di ibrida plug-in combina il sistema di propulsione elettrica modificato della BMW i3 Concept, incassato sopra il suo asse anteriore, ad un motore a combustione a tre cilindri di grandi prestazioni con 164 kW/220 cv e 300 Nm, posto sul retro. Lavorando in tandem, i due motori permettono ai due sistemi di propulsione di dispiegare il loro rispettivo talento, fornendo la performance di un'auto sportiva con il consumo di carburante di un'auto di piccola cilindrata.

Accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di cinque secondi ed un consumo di carburante nel ciclo europeo di meno di tre litri per 100 chilometri sono cifre che attualmente vanno oltre la capacità di qualsiasi veicolo alimentato da un motore a combustione con prestazioni comparabili. Grazie alla tecnologia eDrive con la sua grande batteria agli ioni di litio caricabile dalla presa elettrica di casa, la BMW i8 Concept è in grado di percorrere fino a 35 chilometri con la sola energia elettrica. Oltre a ciò la 2+2 offre abbastanza spazio per quattro persone, risultando estremamente pratica per la guida quotidiana.

L'architettura LifeDrive della BMW i8 Concept è stata accuratamente adattata per potenziare il carattere sportivo dell'auto, fornendo prestazioni imbattibili ed un'eccellente dinamica di guida. Il motore nel modulo dell'asse anteriore e il motore a combustione sul retro sono collegati da un "tunnel energetico" che ospita la batteria ad alta tensione. Questo dà all'auto un basso centro di gravità, con i conseguenti vantaggi dinamici. Il posizionamento del motore elettrico e del motore sopra i rispettivi assi nonché la conformazione salvaspazio e ben proporzionata di tutti i componenti dà come risultato una distribuzione ottimale 50/50 del peso.

Efficiente e dinamica – BMW i8 Concept.L'emozionante design della BMW i8 Concept rende ben visibili a tutti le sue qualità. Le sue proporzioni dinamiche sono la rappresentazione visiva delle sue straordinarie prestazioni: la BMW i8 Concept sembra già lanciata ancora prima di aver fatto girare una ruota.

Il carattere sportivo continua all'interno: vantando un ambiente focalizzato sul conducente come nessun altro veicolo del Gruppo BMW prima di lei, la BMW i8 Concept immerge il conducente in un'esperienza di guida unica. La BMW i8 Concept è l'auto sportiva per una nuova generazione – pura, emozionante e sostenibile.

Il design della BMW i8 Concept è speciale quanto la concezione complessiva dell'auto e realizza la sintesi perfetta di tecnologia e fascino estetico. Le linee impetuose e la silhouette piatta conferiscono all'auto un aspetto straordinariamente dinamico, persino quando sta ferma. Una carlinga larga e trasparente trasmette una straordinaria sensazione di leggerezza ed evidenzia l'eccezionale efficienza del concetto di questo veicolo. Gli sbalzi corti anteriori e posteriori ne confermano l'animo sportivo. Nonostante il suo aspetto dinamico, la 2+2 posti può accogliere quattro persone, risultando molto pratica per la vita quotidiana.

Come per la BMW i3 Concept, anche qui la stratificazione serve come elemento centrale di design dell'interno e dell'esterno. Inoltre i singoli componenti del veicolo sono chiaramente visibili dall'esterno: il modulo Life nero e trasparente si distingue chiaramente dai componenti color argento della carrozzeria che lo circondano. Questo approccio a stratificazione dona alla BMW i8 Concept un look estremamente tecnico e all'avanguardia.

Vista laterale dinamica.

Le superfici tese e gli spigoli precisi creano una superficie estremamente scultorea ed organica. Anche le linee precise lungo i fianchi e lo "stream flow" BMW i fanno sembrare la BMW i8 Concept lanciata in avanti persino quando sta ferma. Le porte della BMW i8 Concept ruotano verso l'alto come ali dimostrando un'allure innegabilmente emozionale e sportiva. Sotto le porte lo strato color argento plasma i fianchi dell'auto con una sagoma vigorosamente cuneiforme che poi si va aprendo dai listelli sottoporta verso il retro. Una fluorescenza blu accentua la dinamica presenza dei listelli. La conformazione del cofano e dei listelli sottoporta enfatizza la postura pronta al balzo in avanti della BMW i8 Concept, mentre le loro linee fluide permeano l'auto di un tocco di leggerezza.

Il modulo anteriore marcato.

La BMW i8 Concept rivela il suo carattere d'auto sportiva anche vista di lato. Numerosi livelli diversi interagiscono tra loro nel design del modulo anteriore, mentre l'espressivo trattamento della superficie trasuda verve dinamica evidenziando il potenziale sportivo dell'auto. I fari full-LED della BMW i8 Concept sono due composizioni a forma di U.

Una "V" nera semitrasparente si alza dal cofano proprio dietro la griglia a forma di rene, aprendosi verso il parabrezza e guidando l'occhio verso il motore elettrico sottostante. La "V" permette anche una prima visione fugace del modulo CFRP, mentre poi si estende all'indietro verso il retro dell'auto come un nastro nero fornendo un collegamento visivo tra le diverse sezioni dell'auto.

Il modulo posteriore sportivo.

Similmente al davanti, anche il retro dell'auto è molto basso, orizzontale e scultoreo nel design. Le sezioni laterali color argento formano una singolare cornice verticale attorno al retro dell'auto, con una linea precisa che si estende verso i lati e gode di una prominenza particolare. Al centro il diffusore posteriore color argento con cornice blu è un'interpretazione più larga e bassa del diffusore della BMW i3 Concept, con un gusto nettamente più sportivo rispetto alla sua compagna di scuderia.

Sul retro le eccezionali credenziali sportive dell'auto sono espresse anche dalle linee che ne accentuano la larghezza, dalle bocchette dell'aria tridimensionali e dalle luci posteriori "fluttuanti" con passaggio d'aria. Le luci posteriori, anch'esse caratterizzate da un distinto design orizzontale, sono integrate nello strato superiore del retro e condividono la tipica forma ad U della concezione BMW i per le luci.

Interno su misura.

Con le sue superfici trasparenti per porte e tetto, il design della BMW i8 Concept sembra voler fondere uno nell'altro l'interno e l'esterno dell'auto. La concezione del colore e la struttura basilare dell'interno della BMW i8 Concept imitano da vicino quelli della BMW i3 Concept. Anche qui la struttura di supporto in "Porcelain White", lo strato tecnico nero e la sezione comfort con pelle color Mocha Brown sono suddivisi su tre livelli diversi. Anche la disposizione delle bocchette d'aerazione, dei pannelli di controllo e dei display tradisce i legami familiari di quest'auto con la BMW i3 Concept. Nel complesso tuttavia queste caratteristiche hanno un carattere più sportivo e sono più chiaramente conformate al conducente. Un livello di focalizzazione sul conducente che supera quello di qualsiasi altro veicolo del gruppo BMW fa sì che il conducente della BMW i8 Concept si trovi completamente immerso nel suo mondo dietro il volante. Le funzioni rilevanti per il conducente come la leva del cambio, il pulsante start-stop e il freno di stazionamento sono disposte attorno al conducente sulla console centrale e si conformano anche graficamente verso il sedile del conducente. I display tridimensionali sono estremamente nitidi e all'occorrenza mostrano con chiarezza le informazioni rilevanti per la situazione di guida. I passeggeri della BMW i8 Concept siedono in posizione molto integrata e bassa, separati dalla batteria che percorre l'abitacolo in lunghezza. La bisezione longitudinale dell'abitacolo sottolinea il carattere sportivo e orientato in avanti dell'interno della BMW i8 Concept.

Informazioni ottimali.

Il display per le informazioni isolato nel cruscotto è contiguo ad un display di uguale grandezza che funge da quadro comandi. Il design degli strumenti centrali consente di convogliare le informazioni rilevanti per il conducente in un formato tridimensionale ad alta risoluzione. In linea con lo stile BMW i, i display sono di alta qualità, moderni e puristici. I due sistemi di guida sono rappresentati da una coppia di ellissi che in qualsiasi momento fornisce informazioni sul loro funzionamento, a seconda della modalità di guida in funzione. Qui sono visibili anche altre informazioni, come l'autonomia residua e il livello di carburante.

L'architettura LifeDrive della BMW i8 Concept.L'architettura LifeDrive della BMW i8 Concept è stata adattata per conformarla al carattere sportivo dell'auto ovvero per fornire prestazioni superiori e un'elevata dinamica di guida.

Scostandosi dalla configurazione puramente orizzontale che caratterizza la BMW i3 Concept, l'architettura LifeDrive della sorella BMW i8 Concept presenta anche una stratificazione verticale. I sistemi propulsivi che alimentano la BMW i8 Concept sono integrati nei moduli dell'asse anteriore e posteriore, con il modulo Life in CFRP che fa da ponte tra i due. Come veicolo ibrido plug-in, la BMW i8 Concept è progettata per la propulsione elettrica e con motore a combustione, e quindi contiene una batteria con meno celle della BMW i3 Concept. Le celle sono alloggiate nel modulo Life all'interno del tunnel energetico, una struttura simile al tunnel centrale della trasmissione.

I moduli dell'asse anteriore e posteriore quindi si uniscono all'abitacolo e alla batteria per formare un'unità funzionale che assume non solo un ruolo portante, ma anche ampie funzioni anticrash. La localizzazione della batteria ad alta tensione nel tunnel energetico dà al veicolo un basso centro di gravità e questo accresce la sua dinamica. In combinazione col posizionamento dei motori sopra gli assi, si ottiene così una distribuzione ottimale del peso di 50/50. Un intelligente design leggero e l'uso innovativo di materiali produce masse rotanti e rigide particolarmente basse, che migliorano la dinamica di guida, l'accelerazione, l'autonomia e l'economia di carburante dell'auto. Nel complesso la BMW i8 Concept offre l'ambiente ideale nel quale sperimentare su strada la speciale concezione di guida e il carattere distintamente sportivo della BMW i8 Concept.

Gli assi sono progettati per fornire ottime caratteristiche di maneggevolezza, in linea con il profilo sportivo dell'auto. L'asse posteriore a bracci multipli produce una silhouette molto piatta e aerodinamicamente efficiente, eliminando nel contempo qualsiasi forza di azionamento che possa influire altrimenti sullo sterzo ed assicurando una maneggevolezza ottimale in tutte le situazioni.

Il meglio di due mondi – BMW i8 Concept.La i8 Concept combina i vantaggi di due diversi sistemi propulsivi. Come ibrido plug-in riunisce i vantaggi del motore elettrico e del motore a combustione interna per offrire la massima efficienza con il massimo dinamismo.

Sull'asse frontale si trova il motore elettrico adottato dalla BMW i3 Concept e modificato per l'uso nel gruppo propulsore ibrido della BMW i8 Concept, mentre un motore a benzina a tre cilindri turbo da 164 kW/220 cv che sviluppa una coppia massima di 300 Nm aziona l'asse posteriore. Assieme i due gruppi propulsori portano il veicolo ad una velocità massima governata di 250 km/h. Come il motore elettrico, il motore tre cilindri a benzina da 1,5 litri è stato completamente sviluppato internamente dal Gruppo BMW e rappresenta l'avanguardia nel design dei motori convenzionali. Accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di cinque secondi ed un consumo di carburante nel ciclo europeo di meno di tre litri per 100 chilometri sono cifre che attualmente vanno oltre la capacità di qualsiasi veicolo alimentato da un motore a combustione con prestazioni comparabili. A seconda delle abitudini di ricarica e delle caratteristiche del percorso, è persino possibile migliorare tali cifre.

Concezione ibrida significa che la BMW i8 Concept è anche in grado di funzionare solamente con energia elettrica. Una batteria specificamente progettata per questa applicazione e installata tra i moduli dell'asse anteriore e posteriore fornisce al motore elettrico posto sull'asse anteriore della BMW i8 Concept un'autonomia di marcia esclusivamente elettrica di circa 35 chilometri. La batteria si può ricaricare completamente in due ore collegandola ad una presa elettrica convenzionale.

Dinamica di guida.

Grazie ai due sistemi propulsivi, tutte e quattro le ruote della BMW i8 Concept possono essere azionate allo stesso tempo, come per un veicolo a trazione integrale. Questa soluzione combina i vantaggi di una trazione anteriore, di una trazione posteriore e di una trazione integrale per assicurare la configurazione ottimale della dinamica di guida. A seconda delle condizioni di aderenza e della situazione di guida, i sistemi intelligenti della guida dinamica assicurano il massimo recupero energetico, senza compromettere dinamica e stabilità di guida. Questo permette livelli molto alti di recupero energetico, anche con pioggia e neve.

La luce laser illumina la strada del futuro.BMW i8 Concept non è solo veloce ed estremamente efficiente nel consumo di carburante, ma anche leader nella tecnologia innovativa di illuminazione del veicolo. Con BMW i8 Concept BMW integra per la prima volta la nuova luce laser, per fanali più efficienti di quelli LED, molto flessibili, dieci volte più piccoli, gradevoli alla vista e assolutamente sicuri.

La luce laser è per definizione radicalmente diversa dalla luce solare ed anche da diversi altri tipi di luce artificiale comunemente usati oggi. La luce laser è monocromatica ed è una sorgente luminosa "coerente". Ne consegue che può produrre un raggio quasi parallelo con un'intensità mille volte superiore a quella dei LED convenzionali. Inoltre l'elevata efficienza inerente alla luce laser fa sì che i fari laser consumino meno della metà di energia rispetto ai fari LED. In poche parole, il laser rende BMW i8 Concept ancora più efficiente.

L'intensità della luce laser non rappresenta un rischio per l'uomo e la fauna selvatica quando viene usata per le luci dell'auto, prima di tutto poichè non viene emessa direttamente, ma viene prima convertita in una forma adatta all'uso nel traffico stradale. La luce risultante bianca, brillante e anche molto gradevole per gli occhi. Vanta inoltre un consumo energetico molto basso.

Un'ulteriore caratteristica della tecnologia laser con importanti implicazioni riguarda le dimensioni dei singoli diodi. Questo fatto apre tutta una serie di nuove possibilità per l'integrazione della sorgente luminosa nel veicolo. I vantaggi offerti dalle dimensioni possono essere sfruttati per ridurre la profondità dei fari, aprendo nuove opzioni per il posizionamento dei fari e lo styling della carrozzeria.

HYUNDAI CURB

Questo compatto UAV (Urban Activity Vehicle) evidenzia al meglio la futura generazione del linguaggio stilistico Hyundai della "Scultura Fluida". La Curb adotta inoltre la più moderna tecnologia telematica "Blue Link™" sviluppata dall'azienda per mantenersi "sempre connessi". Spinta da un motore 1.6 litri benzina da 175 cavalli, appare quindi un vero e proprio "banco di prova" dinamico per soluzioni future.

 

HYUNDAI BLUE2

Esposta a Seoul in anteprima mondiale, questa nuovissima concept car (dal nome in codice HND-6) è una FCEV di medie dimensioni, che anticipa le linee guida di una futura berlina. Il nome Blue2 nasce dalla combinazione fra il termine "Blue Drive" (sub-brand che contraddistingue le versioni ecologiche di Casa Hyundai) ed il numero <2> del simbolo H2, proprio della molecola d'idrogeno.

L'inedita Blue2, si candida come potenziale leader del futuro mercato FCEV, alimentata com'è da celle a combustibile che producono energia elettrica utilizzando unicamente l'idrogeno contenuto negli appositi serbatoi. Sviluppa una potenza di 90kW (1.65kW/L), con un consumo di 34,9 km/?. L'innovativo stile "Intesected Flow" è caratterizzato da una combinazione del fluido ed elegante design "made in Hyundai" con un lussuoso tocco futuristico, sportivo e dinamico al tempo stesso. Le caratteristiche ecocompatibili includono pneumatici con bassa resistenza al rotolamento e cerchi in lega dal design aerodinamico – tutto per esaltare l'efficienza della vettura.

Il look futuristico della HND-6 si ritrova anche internamente, dove e stato fatto un largo uso di innovativi materiali ecofriendly; anche nella realizzazione degli inediti sedili in pelle, ampi e confortevoli. Avanzatissimo il cruscotto con plancia asimmetrica, che ospita una vera "stazione multimediale", con monitor realizzato nel nuovo sistema TOLED (Transparent Organic Light Emitting Diode). Lo schermo in vetro temperato "Gorilla Glass" proietta in trasparenza le immagini di ogni parametro operativo con un'originale infografica. L'infotainment e poi affidato al Motion Sensor Moustick una rotella a comandi tattili con sensori che rispondono anche al singolo movimento della mano. Sulla Blue2 gli specchietti retrovisori sono stati sostituiti da moderne telecamere, le cui immagini vengono visualizzate sulla plancia insieme a quelle di un'altra telecamera, collocata nella parte posteriore del tetto. Anteriormente e posteriormente sono stati inoltre posizionati schermi con LED: lo Stato dell'Arte della tecnologia per un'esperienza di guida realmente originale !
Blue2 e inoltre in grado di riconoscere il proprietario: bastera avvicinarsi ed il sistema aprira automaticamente la portiera al guidatore prima di salire a bordo: tutto su questa vettura e dedicato ad esaltare una guida ad alto valore emozionale.
 

HYUNDAI I-FLOW

Hyundai ha presentato all'ultimo Salon International de L'Automobile di Ginevra (Marzo 2010) un'inedita concept car che rinnova l'offerta di prodotto tra le berline del segmento D: i-flow.
Questa nuova Concept e equipaggiata con tanta, innovativa tecnologia sviluppata in collaborazione con BASF, da nuovi e leggeri materiali ai pannelli solari, con l'obiettivo di ridurre il peso complessivo ed aumentare sensibilmente l'efficienza energetica.

 

HYUNDAI IX-METRO

La ix-Metro si discosta in modo netto dal linguaggio di design fluido adottato da Hyundai nella sua produzione recente e nelle concept car. Con questa vettura, Hyundai esplora direzioni completamente nuove, utilizzando superfici sfaccettate e forti linee triangolari che enfatizzano la tensione dinamica. La linea alta della cintura conferisce comunica una sensazione di protezione e le linee laterali enfatizzano l'aspetto muscolare della vettura.

 

HYUNDAI NUVIS

Nuvis è l'undicesima concept car creata dal Design Center di Hyundai di Irvine, California. Oltre a dimostrare il talento creativo del marchio, Nuvis segna una possibile direzione stilistica per i crossover di nuova generazione, unendo le caratteristiche di una city car a quelle di un premium utility vehicle.

 

HYUNDAI IX-ONIC BLUE WILL

Hyundai ix-onic, sensazionale concept car in prima mondiale al 79esimo Salon International de l'Automobile di Ginevra, introduce uno stile completamente nuovo per una SUV 4x4 compatta. Assertiva ma non aggressiva, ix-onic (si pronuncia ik-sonik) combina lo stile dinamico, scolpito e segnato dalle prestazioni con un motore amico dell'ambiente e funzionalità pratiche per la vita quotidiana. Per cambiare il modo in cui i clienti, e soprattutto i clienti più giovani, pensano a un crossover compatto. Il Centro Stile tedesco Hyundai di Russelsheim ha pensato a ix-onic come a "un nomade urbano, un'auto di contrasto in un mondo di contrasti". Disegnata in Europa, con i gusti dei consumatori europei ben chiari, la nuova concept è ispirata alla personalità multiculturale di città come Roma, Berlino, Parigi e Londra. Ix-onic è robusta e compatta per affrontare la vita cittadina, è asciutta e agile per affrontare il viaggio. Ix-onic è vestita di un colore super brillante sviluppato per sottolineare le sue linee dinamiche e disegnate dal vento. Un pigmento speciale per una lucentezza speciale.

Con una lunghezza massima di 4.400mm, larga 1,850mm e alta 1,650mm ix-onic ha una presenza su strada importante. Il team di design ha unito una parte superiore filante ed elegante dalla linea di cintura accennata dal profilo dei parafanghi, con la parte inferiore robusta, ben piantata a terra che sa farsi valere sulla strada.

Atletica e sofisticata, la ix-onic mostra attraverso le sue linee fluide, le sue superfici piene e la sua presenza muscolosa, i punti chiave della filosofia stilistica Hyundai "dynamic sculpture". Il dinamismo del linguaggio stilistico risulta evidenziato da elementi grafici ben definiti come la griglia anteriore esagonale, i fari tirati senza remora all'indietro, la linea di cintura spezzata e la terza laterale dal taglio scolpito.
Luci diurne a LED per sottolineare la brand identity
La griglia esagonale è una ulteriore evoluzione dello stile introdotto nel 2006 dalla concept car Genus e rimodellato nel 2008 per la concept i-mode. I fari incorporano le innovative luci diurne a LED (DRL), elemento sempre più importante per sottolineare l'identità di famiglia tra le auto di nuova generazione. Per la innovativa ix-onic, parte delle luci diurne si abbassano all'accensione delle luci anabbaglianti e un'altra batteria di DRL si trova anche sugli specchi retrovisori esterni.
Il profilo di ix-onic è segnato da un abitacolo dinamico e da tagli da auto sportiva, con il doppio zig-zag muscoloso per i passaruota che abbraccia cerchi da 21 pollici lucidati a specchio. Inusuale il disegno concavo del brancardo che taglia il parafango posteriore e si estende fino al paraurti posteriore. I brancardi e il paraurti sono in colore contrastante con una finitura alluminio che riprende quella delle maniglie per trasmettere la percezione di qualità premium. Anche la coda di ix-onic incorpora elementi di stile dinamico, con luci montate in alto, lunotto su piani differenti e paraurti scolpito. Le luci posteriori sono tessute con una maglia che si ispira alla natura e il paraurti posteriore incorpora il doppio scarico in alluminio lucidato.
Il lunotto è stato disegnato e prodotto da Hyundai in stretta collaborazione con QarmaQ-partner SABIC Innovative Plastics. Utilizzando il tecnologico Lexan al posto del tradizionale vetro, i designer hanno potuto pensare a inedite forme tridimensionali. Ogni lato del lunotto integra due spoiler verticali per ridurre la resistenza aerodinamica e la parte superiore concava consente di fare spazio allo spoiler posteriore. Inoltre, è stato utilizzato il trattamento Exatec per inglobare il terzo stop nel lunotto e una forma tridimensionale a U circonda il tergilunotto per migliorarne l'integrazione.
Interni luminosi e puliti per cinque posti di comfort lussuoso.
All'interno, ix-onic offre una posizione dominante sulla strada ai suoi cinque posti ed evoca un ambiente avventuroso ma al contempo rilassante e disteso. Le necessità del pilota sono ampiamente soddisfatte con lo stile interno che mescola elementi della vita all'aperto, del tempo libero e dello stile cittadino. La prima impressione di un ambiente sportivo, moderno e fresco è rafforzata a un esame più attento dalla setosa pelle color crema che trasmette una piacevole sensazione di eleganza e di lusso discreto. Un disegno a X è ripetuto all'interno dell'abitacolo per evidenziare aree chiave mentre dettagli in lega di magnesio portano lampi brillanti. Le forme morbide dell'interno sono sottolineate da cuciture ice blue che riprendono il colore della carrozzeria e dei tappeti, realizzati con una buona percentuale di cashmere.
Al centro dei sedili ben disegnati si trova una fascia in tessuto traspirante con sostegni laterali attraenti e funzionali a cui si aggiungono supporti laterali per le spalle, tutti evidenziati dal color grigio magnesio. Montati più in alto sulle portiere, gli altoparlanti allietano gli ospiti con note sonore di grande dettaglio e di qualità eccellente. Lo specchio retrovisore interno ha un allarme per l'angolo cieco che avverte il pilota del potenziale pericolo.
Un motore tutto nuovo mantiene le promesse prestazionali dello stile.
Il sensazionale abito di ix-onic veste una tecnica altrettanto moderna con un motore a benzina quattro cilindri turbo 1.6 GDi da 175 cavalli, con tecnologia ISG (Idle Stop & Go) e un cambio a sei marce a doppia frizione. La potenza è trasmessa al suolo grazie alla trazione integrale intelligente pensata per una dinamica di guida precisa su strada e al contempo per interessanti capacità fuoristradistiche. Il motore di ultima generazione e amico dell'ambiente rilascia nell'atmosfera solo 149 g/km di CO2, valore non usuale per un SUV.
 

HYUNDAI GENUS

Con il concept Genus, presentato al Salone di Ginevra 2006, Hyundai esprime una propria previsione sulle esigenze del futuro, combinando il dinamismo sportivo di una coup con la versatilità di una wagon tradizionale. Genus ha un animo fortemente poliedrico, può essere infatti usata per il lavoro, per lo shopping , per le vacanze con la famiglia e per il tempo libero, restando in ogni momento all'altezza della situazione. All'interno di Genus il pavimento presenta un pannello integrato che può essere sollevato trasformandosi in una panca retrattile estendibile oltre la soglia del bagagliaio che insieme ad un piano scorrevole mimetizzato nel paraurti forma un piano multi-uso al di fuori della zona di seduta. I vetri laterali completamente retrattili formano una linea continua, fondendosi perfettamente con un ampio tetto panoramico in vetro.

Gli interni, mostrano vaste superfici apparentemente scolpite dal vento, come l'elegante profilo del pannello della strumentazione. Pelle naturale color melanzana e stoffe simili a seta ricoprono le superfici principali. Il design esterno è caratterizzato da una sofisticata linea a forma di onda. Una griglia esagonale che occupa l'intera superficie frontale ospita i fari retrattili simili a gioielli. Le linee sfuggenti dell'intero corpo vettura donano a Genus i particolari attributi estetici del coup.

 

HYUNDAI PORTICO

Il concept ibrido Portico è il crossover progettato dall'Advanced Design Team del Centro di design Hyundai in Corea.

Con questo crossover Hyundai esprime la sua nuova filosofia del design, mostrando un notevole interesse per l'area delle vetture da famiglia caratterizzate da grandi spazi e da un'estrema facilità di guida.

Portico propone soluzioni più razionali per l'accesso e l'uscita dall'abitacolo rispetto ai normali veicoli con tre file di sedili, grazie all'elevato passo che consente lo sfruttamento migliore degli spazi interni favorendo l'impiego di due file da tre posti e di uno spazio posteriore molto capiente. Sia i sedili anteriori che quelli posteriori dispongono di comandi elettrici per il posizionamento. I sedili posteriori dispongono di schermi per i DVD, mentre davanti ai sedili anteriori è alloggiato un grande schermo per la navigazione satellitare.

 

OPEL FLEXTREME

L'efficienza va di pari passo con l'estetica

Non è detto che un veicolo a emissioni zero debba essere privo di carattere. Con Flextreme, un design futuristico introduce in maniera forte la propulsione elettrica. Nuovi materiali e nuove intuizioni per il design degli interni, ti danno l'dea di ciò che sarà l'auto del futuro.

Design esterno

Opel Flextreme non è soltanto la dimostrazione dell'impegno di Opel nel campo della più recente tecnologia “verde”, è la prova che l'auto del futuro può essere alla moda oltre che pratica e funzionale.
Le principali caratteristiche estetiche di Flextreme sono gli elementi stilistici che caratterizzano il nuovo linguaggio Opel: le linee inclinate lungo le fiancate, le luci a forma di boomerang, le modanature laterali. Flextreme è anche il frutto di un progetto all'insegna dell'efficienza tecnologica: il peso del veicolo e le caratteristiche aerodinamiche sono state ottimizzate utilizzando materiali avanzati e tecniche moderne di simulazione.
Poiché l'estremità inferiore del parabrezza è stata sensibilmente avanzata, il caratteristico rialzo sul cofano risulta molto corto. La presa di corrente, inserita sul pannello di supporto del cofano, permette di collegare il veicolo ad una presa di corrente fissa.
Una rapida occhiata al frontale della vettura è sufficiente per rendersi conto che la mascherina e le cornici sono rivestite con un leggero materiale trasparente in policarbonato, per migliorare l'aerodinamica senza compromettere l'estetica. Lo stesso avviene per le ruote in lega leggera. Analogamente al design delle ruote, anche i grandi gruppi anteriori incurvati a forma di boomerang creano un'illusione ottica.
Osservando il prototipo da dietro, le porte a farfalla ad apertura centrale sono il particolare più appariscente, mentre il motivo a lama, in rilievo, si propaga sull'intera curvatura della parte posteriore. Gli originali gruppi ottici posteriori con i fari, dalla caratteristica forma ad ala, sono praticamente invisibili quando sono spenti. Le loro linee avvolgenti danno un senso ancora più spiccato di simmetria. L'attenzione dell'osservatore in posizione centrale viene attirata dal logo Opel.
Parabrezza, finestrini e gran parte del tetto sono realizzati in un leggerissimo policarbonato. Il parabrezza trasparente si prolunga sopra all'abitacolo formando una grande “U” che si apre nella parte posteriore, creando un ambiente molto spazioso e luminoso. Il tetto è rinforzato con una struttura in materiali compositi, ad effetto spina, che si estende fino alla parte posteriore del pavimento.

Design degli interni

Il nuovo modo di concepire lo spazio, il comfort e la luce,caratterizza il design interno di Opel Flextreme. Un grande display,posto immediatamente al di sotto del parabrezza, può essere configurato per offrire un visione completa di quello che avviene attorno al veicolo, poiché, Flextreme, al posto dei tradizionali retrovisori esterni ha due piccole telecamere laterali, una rivolta in avanti e l'altra indietro. Un secondo display, posto sulla consolle centrale, funziona con il sistema “touch-screen” che consente di accedere alle funzioni di climatizzazione, di infotainment e di navigazione.


Pratici scomparti ricavati nella parte anteriore e posteriore del tunnel centrale, offrono la tipica flessibilità dei modelli Opel. Gli occupanti possono riporre oggetti quali telefoni cellulari, lettori MP3, iPod e PDA in due cassetti. È inoltre possibile ricaricare gli apparecchi elettrici all'interno dei cassetti (per induzione), mentre i sistemi Bluetooth trasmettono i dati in essi contenuti al sistema infotainment di bordo.
All'interno di Flextreme è stato fatto ampio uso di strutture a nido d'ape, una funzionale struttura geometrica che associa grandi doti di leggerezza e di rigidità. La struttura è localizzata in corrispondenza della parte inferiore del cruscotto, nel pavimento dell'abitacolo e nel bagagliaio e nella parte superiore del tunnel centrale dove sono posizionate le batterie a ioni litio.

La tecnologia del futuro

Grazie all'elegante design senza montanti e alle porte posteriori a farfalla ad apertura centrale, è agevole entrare e uscire da Flextreme... ed è ancora più facile caricare e scaricare.

Flessibilità

Le porte posteriori incernierate all'indietro (FlexDoor®) facilitano l'accesso all'interno dell'abitacolo, il grande tetto trasparente ed il portellone posteriore sdoppiato che si apre di lato e ruota in alto (FlexLoad®) ci fanno capire come questo veicolo sperimentale porti avanti la tradizione dei flessibili, funzionali ed attraenti prototipi Opel.
Altro particolare notevole è il FlexLoad, vano portabagagli ricavato sotto la superficie del bagagliaio, l'ultima di una serie di soluzioni innovative Opel quali il sistema di configurazione dei sedili di Zafira (Flex7®) e il sistema di trasporto integrato Flex-Fix® presente in Corsa e Antara.
Ma la grande sorpresa è la presenza di due personal transporter (PT), ossia due scooterini elettrici ad alta tecnologia, ingegnosamente incorporati sotto il bagagliaio, che possono essere utilizzati in zone interdette ai veicoli e coprire fino a 38 chilometri senza alcuna emissione.

Mobilità pulita al 100%

La grande potenza, evidente fin da quando si mette in moto, unita a una notevole autonomia, fa della concezione di Opel Flextreme una soluzione praticabile per le future esigenze di mobilità.

Tecnologia

Opel Flextreme utilizza il rivoluzionario sistema di propulsione E-Flex, noto anche come tecnologia Voltec.

E-Flex è una nuova famiglia di sistemi a propulsione elettrica sviluppati per i veicoli di dimensioni piccole e medie del futuro. La lettera “E” indica che si tratta di un'auto elettrica, mentre “Flex” si riferisce all'adattabilità dell'architettura. Il sistema consente di utilizzare in modo flessibile elettricità da numerose fonti: il generatore può assorbire energia dalla rete elettrica, da un piccolo motore a combustione interna, &nbsp;alimentato con benzina senza piombo, diesel o bioetanolo (E85, una miscela all'85% di etanolo e al 15% di benzina), o da una cella a combustibile.
In sostanza, il sistema di propulsione di questo veicolo può essere adattato perfettamente alle esigenze e alle infrastrutture dei singoli mercati locali.
A differenza dei veicoli tradizionali e ibridi, il sistema E-Flex utilizza un motore elettrico, alimentato da una batteria a ioni litio, per far percorrere a Opel Flextreme circa 55 km con la sola propulsione elettrica. In questo caso a bordo del veicolo c'è un motore 1,3 CDTI che genera ulteriore energia elettrica per ricaricare la batteria e prolungare l'autonomia, tanto che a piena carica, Flextreme con la sua autonomia di 55 km consente alla maggior parte delle persone che utilizzano una vettura per andare al lavoro, di andare e tornare senza consumare gasolio o emettere alcuna quantità di CO2.
La concezione Flextreme è un'indicazione significativa dei trend a medio termine in fatto di mobilità a emissioni contenute.
&nbsp;
 
Copyright © 2011 - All Right Reserved